Novembre è secondo me il mese più triste, più “freddo” e più malinconico dell’anno…ci avete mai pensato?

provate a pensarci…chi è solo si sente ancora più solo, le città sono grigie, di un grigio brutto, quello che spegne le calde e belle giornate d’estate, quello che prende il loro posto, un pò eclissandole,  fa freddo ed è un freddo diverso da quello degli altri mesi invernali…negli altri mesi abbiamo sempre qualche Evento, qualche ricorrenza da festeggiare: il Natale, L’Epifania, S. Valentino, Carnevale che aiutano a “scaldarci” l’anima e a farci sentire un pò più “calore” ma a Novembre…brrrrr….

In qualsiasi parte di mondo si è, penso che il “freddo” e il grigiore di Novembre sia uno dei più brutti dell’anno…ora è alle porte ma speriamo che ci porti qualcosa di allegro da raccontare!  🙂

A volte, quando esco e vado in giro per la mia città…mi sento quasi come se non potessi uscire “liberamente”, da sola o con amiche, in macchina o a piedi perchè accade che:

CASO 1 –  sono in macchina, sulla mia strada c’è un semaforo e già qualche km prima vado in ansia!!! :-O loro, non è che stanno lì tranquilli ad aspettare che tu gli dica: “scusi! mi dà dei fazzoletti per favore?” oppure se anche avessi  il vetro sporco (che neanche fossi appena uscita da un safari)potresti dire: “scusi, me la dà una ripulita per favore? non vedo nulla!”  NO!!! loro sono lì…1,2,3,4 a volte anche in 5, chiacchierano, a volte giocano tra loro ma…tu sai che in realtà ti aspettano, ti puntano da lontano, anche se sei la 6* macchina della fila, loro sono lì in posizione che ti aspettano, (eh eh eh tanto al rosso vi dovete fermare…TUTTI) sembrano felini pronti all’attacco appena la preda si avvicina e non può scappare e TAC! pronti all’assaltooo!!! 🙂

e tu, preda, non puoi scappare, il semaforo è rosso…rallenti già da molto lontano e, cerchi di escogitare un piano d’azione…ti fermi 100/200/addirittura anche 500 mt. prima…lasci uno spazio abbondante tra te e la macchina che ti precede (questa è la tecnica da “evitamento”) e, quando il felino-lavavetri si avvicina, Zac! provi ad andare avanti e superarlo ma….. NON CI RIESCI!!! SEI IN TRAPPOLA! PRIGIONIERA DEL SEMAFORO ROSSO!!!NON PUOI SCAPPARE!!! loro ti SeGuOnO e ti raggiungono anche a 500 mt. di distanza “tanto adesso ti prendo”, ok, mi arrendo, mi ha preso, è qui però posso ancora azionare i tergicristalli, cerchiamo di difenderci così, di dirgli “no,grazie” ma…loro bussano al finestrino, ti guardano, ti parlano e dicono cose che molto spesso non comprendi…e non è più una questione di soldi, no, non è più per lo spicciolo…ormai è diventata una questione di principio, sembrano volerti dire “Io sono il Lavavetri, questo è il MIO semaforo e se tu passi io faccio quello che voglio “ODDIO!!!! ANSIAAA!!!! e allora sai cosa fanno? ti lavano il vetro di dietro! ahahha non te l’aspettavi eheeee…tiè! 🙂 lavavetri vs Automobilista 1-0 🙂

Io non sono razzista…giuro!non è una questione di razza, gli darei (e spesso gli dò) abiti vecchi, cibi, bevande, coperte, medicinali, tutto, gli darei anche i soldi per aiutarli e senza che mi lavino il vetro o mi diano i fazzoletti ma…se mi lasciassero in pace e LIBERA di circolare in città!

CASO 2 -e se invece fossi a piedi? ah! a piedi incontriamo I VENDITORI DI ROSE!!! chi ormai non conosce nelle città italiane i venditori di rose!!! Ne vogliamo parlare??? 😀 sono flotte! eserciti! arrivati nelle nostre città arrivando chissà da dove, (e soprattutto…CHI GLIELE Dà TUTTE QUELLE ROSE???) pare non capiscano la lingua, tutto ciò che cerchi di dire e il “NO, GRAZIE”, (almeno i lavavetri hanno imparato la lingua negli anni :-P)  restano lì inespressivi, immobili, impassibili e l’unica cosa che fanno è agitare/strofinare le rose sotto il naso di chi ci capita a tiro…le avvicinano sempre di più alla tua faccia, mentre parli, mentre mangi, mentre bevi un caffè o un aperitivo, mentre litighi con il fidanzato, mentre sei al telefono, mentre porti il cane a spasso…SEMPRE!!!!!puoi essere sola o  in compagnia, non fa alcuna differenza…noncuranti nè che tu sia donna in mezzo a donne o, donna con uomini o con cane.

Ma secondo me neanche se girassi con un’ iguana,un ermellino o un “Leocorno” farebbe differenza, potresti essere anche a cavallo di un unicorno, che  cambia colore rosa-blu…fa lo stesso!loro sono lì, ti mettono le rose in faccia con una specie di lamento (è oggetto di studio la lingua antica) e restano così…e aspettanoo!!!e possono aspettare Oreeee e seguirti per chilometriiiiii!!!!! O.o (AHAAAAAA LA FOBIA DELLE ROSE!!!) Ho provato persino a darmi per “allergica” ma loro lì…smarriti, impassibili, facendosi scudo della loro tenacia! miiii facessero qualcosa di utile al mondo con la stessa determinazione cambierebbero molte cose, mi sa! 🙂

ci tengo però a precisare che, come per i lavavetri…io NON sono razzista, lo giuro, vale per loro lo stesso discorso che ho fatto per i lavavetri…e anzi sapete cosa? propongo anche un’alternativa per queste persone in difficoltà, assolutamente, sollevo il problema in modo ironico e scherzoso ma voglio anche fantasticare un’alternativa per loro! 🙂

Potrebbero imparare un gioco!

pensate se facessero i giocolieri per strada, come fanno in tanti!

senza infastidire le persone, li si vedrebbe cantare, suonare come in tanti, c’è chi fa la “statua”, c’è chi potrebbe disegnare, dipingere e capisco che non tutti hanno l’estro artistico…allora quelli potrebbero insegnare qualcosa di tipico che si fa nel loro paese,  far potrebbero vestirsi da clown (basta anche solo un naso rosso) e potrebbero fare un balletto, semplice e senza tecnica, non fa niente… ma ci farebbero distrarre a  quel semaforo rosso, ci potrebbero regalare quei 2 minuti di semaforo rosso tranquilli, tra le nostre cose nella testa a guardare una cosa simpatica, ci rallegrebbe la giornata…tutti hanno bisogno di un sorriso, di un momento “simpatico”, di leggerezza e positività! e penso anche che non dovranno neanche più chiederli i soldi…uno spicciolino arriverà un pò da tutti e sarebbe un esempio di civiltà e di positività per tutti!!! 🙂

Spero che ci sia un domani migliore per tutti! 🙂